Un viaggio specialissimo nel cuore della Birmania più autentica, dove verdissime colline  e caratteristiche pagode si alternano a siti archeologici e templi di spettacolare bellezza. Un Paese unico, tutto da scoprire, in cui la magia di stupendi e antichi monasteri si fonde con spettacoli naturali e panorami mozzafiato.

Il percorso tocca i luoghi imperdibili del Paese ed alcune località minori durante il percorso che da Mandalay porta a Bagan, effettuato via fiume ziché in volo, per avere la possibilità di ammirare lo spettacolare panorama, di venire a contatto con le popolazioni locali e di ammirare stupa e pagode minori, ma di grande importanza storica. Il viaggio sarà effettuato con comodo minibus / pullman con aria condizionata. Hotel 3/4 stelle (prima colazione ). Guide professionali in lingua inglese. Accompsgnatore esperto di cultura buddhista, in partenza dall’Italia con il gruppo.

1° Giorno: ITALIA- YANGON
Partenza dagli aeroporti italiani per Yangon con scalo intermedio. Pasti e pernottamento a bordo.

2° Giorno: YANGON
Arrivo all’aeroporto internazionale di Yangon, disbrigo formalità d’ingresso, incontro con la vs guida e trasferimento in hotel. Se il tempo lo consentirà prima visita orientativa  della città. Pranzo e cena liberi. Pernottamento in hotel.

3° Giorno:  YANGON
Prima colazione in hotel ed inzio delle visite. il gigantesco Buddha reclinato, conservato nella Chaukhtatgyi Pagoda, la Pagoda Sule nel centro della città e gli edifici coloniali. Visita del quartiere cinese e del mercato della frutta e panoramica della città.

Le visite si concludono  con la Pagoda Shwedagon, un maestoso complesso religioso buddista eretto nel XVIII° sec., formato da una pagoda alta 98 metri e ricoperta da tonnellate d’oro e diamanti, circondata da innumerevoli tempietti e meta di continui pellegrinaggi. Questo è sicuramente il luogo di maggiore importanza e culto della città, oltre che l’emblema della nazione. Rientro in hotel. Pernottamento.

4° Giorno: YANGON- MANDALAY –AMARAPURA -MANDALAY
Al mattino presto trasferimento in aeroporto e volo per Mandaly- Colazione box lunch fornita dall’hotel. Arrivo e trasferimento ad Amarapura. la “Città immortale”, che si trova ad 11 km a sud di Mandalay. Fondata nel 1783, oggi è nota per la tessitura di seta e cotone, con cui si realizzano longyi (abiti tradizionali) cerimoniali.
Ad Amarapura ha sede il monastero Mahagandayon, dove vivono più di 700 monaci, che permettono ai visitatori di assistere ai rituali che scandiscono la vita della comunità monastica.
Il ponte pedonale Ubein, lungo 1 km ed interamente in legno di teak, collega il paese ad una pagoda sull’altra sponda del lago. Proseguimento per Mandalay.


Capitale culturale e religiosa della zona settentrionale del Paese, posta lungo le sponde del fiume Irrawaddy, Mandalay un tempo era conosciuta come la “città d’oro” del re Mindon, l’ultimo regnante birmano prima dell’occupazione britannica.


Molte sono le attrattive artistiche ed architettoniche della città, nonostante i danni subito durante l’assedio britannico e la Seconda Guerra Mondiale. Uno dei luoghi più interessanti è la Collina di Mandalay, famosa collina da cui la città prende il nome, caratterizzata da scalinate a spirale e splendidi templi, che offre un’ottima vista panoramica sulla città e sul fiume. Questa collina è considerata da secoli come una zona sacra, meta di antichi pellegrinaggi, in quanto, secondo una leggenda, essa fu visitata dal Buddha, il quale avrebbe profetizzato che qui sarebbe sorta una grande città (il re Mindon, in occasione del 2400esimo giubileo del Buddha nel 1858, volle seguire tale profezia e avvio dunque la costruzione della città).
Molto importante sono poi lo Shwenandaw Kyaung, tradizionale monastero birmano in legno, unico edificio sopravvissuto dell’antico e lussuoso palazzo reale, la Pagoda Mahamuni, al cui interno si trova un’antica statua del Buddha, ricoperta da una miriade di foglie d’oro, e la Kathodaw Paya, conosciuta anche come il libro più grande al mondo. Tutti i 15 libri che formano il “tripitaka” (il canone buddista) sono infatti incisi su 738 tavole di marmo poste all’interno di altrettante pagode in miniatura dipinte con un abbagliante bianco.

Sistemazione in hotel. Pernottamento.

 5° Giorno: MANDALAY – MINGUN – SAGAIN- MANDALAY
Prima colazione e partenza in battello privato per Mingun solcando le acque del fiume Ayeyarwaddy. Mingun, raggiungibile con un’incantevole navigazione in barca da cui si può ammirare il panorama fluviale, è conosciuta per la sua maestosa Pagoda Mingun, rimasta incompiuta e danneggiata da un terremoto nel 1938.

 

Una volta ultimata avrebbe dovuto raggiungere i 150 metri d’altezza. Sempre a Mingun si trova quella che è considerata la più grande campana sospesa al mondo, realizzata in bronzo e pesante più di 90 tonnellate.  Pranzo libero. In seguito proseguimento per Sagaing Hill, uno dei luoghi in cui il buddhismo è più vivo che mai, il centro cultural buddhista per eccellenza.. Sosta per godere del bellisisimo tramonto sulle colline. Rientro a Mandalay. Pernottamento.

6° Giorno: MANDALAY – BAGAN
Prima colazione e partenza in battello per Bagan lungo il fiume Ayeyarwaddy.

Avrete il modo di osservare la vita dei villaggi e di godere di una splendida mini crociera. Arrivo a Bagan nel tardo pomeriggio. Trasferimento in hotel. Pernottamento.

7° Giorno:: BAGAN
Prima colazione in hotel e visita della città. Incominceremo con il coloratissimo mercato Nyaung U Market, per proseguire con la visita dell’immensa vallata dei temple. Incominceremo da Shwezigon,  una pagoda che si discosta totalmente dallo stile dei templi di Bagan, sia per architettura che per posizione. Lo zedi dorato svetta al centro del complesso religioso, circondato da tre terrazze dove, in corrispondenza dei punti cardinali, si trovano statue di Buddha in bronzo alte  4 metri.  Vista del tempio Htilominlo, famoso per I suoi intarsi ed  il tempio  Gubyaukgyi  dagli splendidi affreschi. Visia del villaggio  Myinkaba dove gli artigiani lavoraro la lacca, uno dei manufatti tradizionali della Birmania. Pranzo libero. Le visite preseguono con il   tempio  Ananda l tempio più famoso della piana svetta nel cuore di Old Bagan con il suo bellissimo pinnacolo dorato alto 52 metri e rappresenta il punto di orientamento principale durante la visita dei templi.

Ottimamente conservato, l’Ananda Patho è stato costruito da re Kyanzittha tra il periodo antico e quello medio di Bagan. L’ingresso principale è ubicato sul lato nord, sormontato da uno stupa, e l’atmosfera è resa successiva dalla processioni dei monaci che intonano canzoni religiose. Le terrazze esterne sono finemente decorate con splendide scene buddiste mentre all’interno colpiscono per la loro imponenza le quattro statue del Buddha alte 10 metri.  Si prosegue con il tempio Thabinny, il tempio più alto di Bagan, il tempio  Dhammayangy, il cosiddetto tempio della Sfortuna che è probabilmente il più spettacolare come forma e dimensione ed è visibile dalla sommità di quasi tutti i templi di Bagan. La sua forma ricorda una piramide atzeca, con le varie terrazze monumentali che si susseguono fino alla cima. E’ il tempio più massiccio con una base che si estende per 77 metri su ciascun lato. Al tramonto ci recheremo sulle scalinate del tempio  Shwesandaw,   La Pagoda del tramonto, come viene denominata la Shew San Daw, è una struttura a forma di piramide con cinque terrazze dominate dallo stupa centrale, fatta costruire da Re Anawrahta nel 1057 ed è il primo edificio di Bagan ad essere costruito con le scalinate. Rientro in hotel.Pernottamento.

 

8° Giorno: BAGAN –MONTE POPA – BAGAN
Prima colazione quindi visita del mercato del mattino per meglio comprendere gli usi e i costumi locali. Quindi partenza per il Monte Popa. A 50 Km a sud-est di Bagan si trova Monte Popa,  una cima solitaria alta 1520 metri s.l.m., ora divenuto parco nazionale, che conserva e protegge una foresta in legno di sandalo. Accanto si erge uno spuntone roccioso di 740 m ancora detto  Taungkalat, la Dimora degli Spiriti. Antico vulcano spento, questa “montagna sacra” per il popolo birmano è considerata la leggendaria dimora dei “Nat”, spiriti a cui i birmani sono molto devoti, ed è un luogo di pellegrinaggio dalla notte dei tempi.
Il paesaggio lungo la strada per  è caratterizzato da piantagioni di palma “dum”, una particolare palma da zucchero, e da numerosi piccoli villaggi. All’arrivo alla base del Monte Popa si percorre una lunga scalinata che conduce al Monastero,. Pranzo libero.
Rientro a Bagan e visita lungo il percorso si alcuni caratteristici villaggi.

Tempo libero per passeggiate o relax.
Pernottamento in hotel


9° BAGAN – HEHO – LAGO INLE
Al mattino presto trasferimento in aeroporto e volo per Heho, quindi proseguimento in auto per il Lago Inle. . Visita della pagoda   Phaung Daw Oo, la pagoda più famosa del lago, che ospita 5 figure del Buddha che durante il festival annuale di Phaung Daw U vengono trasportate da paese in paese sulla barca imperiale.,Visita del mercato galleggiante. L’intero lago è abitato. Le persone vivono nelle case costruite sulle palafitte, circondate da giardini galleggianti. Gli abitanti si chiamano “Intha” che tradotto significa bambini del lago. Una delle cose tipiche del lago sono i pescatori che remano con le gambe per poter avere le mani libere. Questa tecnica viene usata solo qui. In seguito visita del  Monastero Nga Phe Kyaung, risalente a 160 anni fa,  con i suoi giardini galleggianti e il monastero in legno di teak soprannominato “dei gatti saltanti”, che contiene immagini in lacca del Buddha risalenti al XVI e XVII secolo. L’attrazione del luogo sono i gatti che i monaci hanno addestrato a saltare attraverso un cerchio. Pernottamento in hotel.

11° Giorno: LAGO INLE – PA O HILL VILLAGE – LAGO INLE
Prima colazione, quindi partenza per la visita della pagoda di Indein. L’escursione prosegue in una fitta rete di canali fino a Pa O Hill per la visita ad un villaggio tribale. Dove visiteremo il mercato locale e le rovine di centinaia di pagode. Alcune di queste ancora nascoste dalla fitta vegetazione.
Rientro in hotel. Pernottamento.

11° Giorno: LAGO INLE – HEO – YANGON
Prima colazione, trasferimento in aeroporto ad Heo e volo per Yangon. All’arrivo trasferimento in hotel. Tempo libero per visite individuali. Pernottamento im hotel.

12° Giorno: YANGON – volo di rientro
Prima colazione. In tempo utile trasferimento in aeroporto per il volo di rientro.
QUOTA INDIVIDUALE di PARTECIPAZIONE
MINIMO 6 PARTECIPANTI


in camera doppia: 1785 euro
supplemento singola: 370 euro

 

La quota comprende:

  • Tutti i voli interni
  • Sistemazione negli hotel citati o smiliari con servizio di prima colazione
    Tutti i trasferimenti
    Tour con minibus / pullman con aria condizionata
  • Battelli ed escursioni in
  • Tutti gli ingressi ai siti e monumenti
  • Guide locali in lingua inglese
  • Salviette rinfrescanti ed acqua minerale a bordo pullman

La quota non comprende:

 

I vostri hotel o similari

 

 

 

CityHotel NameHotel CategoryRoom Category
YangonGrand United Hotel(Alone Branch)***Superiorwith View
MandalayHotel Yadanarbon Mandalay***Superior
BaganArthawka Hotel****Deluxe
Inle  LakeGolden Island Cottage(Nampan)****Superior

Per richiedermi informazioni, preventivi, dettagli su questo o su altri viaggi potete scrivermi utilizzando la form sottostante o contattarmi via mail, telefono o skype.

Posta elettronica: giancarlo.pagliero@libero.it
Telefono: 345 6705489 (da lunedì a venerdì dalle 09:00 alle 20:00 – Sabato su appuntamento telefonico)
Skype: giancarlop


Effettuando l'invio di questa richiesta si intende accettata la nostra informativa sulla privacy