Un  programma di grande interesse culturale e naturalistico che visita l’antica capitale Kandy . Il viaggio si snoda  attraversando paesaggi naturali e località di bellezza incantevole, fra parchi naturali e dolci declivi dove crescono rigogliose piantagioni di thé senza trascurare i siti archeologici più importanti del Paese, quali la rocca di Sigyira, Dambulla con le sue meravigliose grotte e Polannaruwa. Safari nel Parco Nazionale di Wilpattu, visita della foresta pluviale di Sinharaja ed escursione in barca per l’avvistamento delle balene a Mirissa. Guide in italiano. Mezza pensione. Viaggio condotto da Giancarlo Pagliero, orientalista.

 

1° Giorno : ITALIA – COLOMBO
Partenza dagli aeroporti italiani con scalo intermedio. Pasti  pernottamento  bordo.

2° Giorno: ARRIVO A COLOMBO – NEGOMBO ( 10 km. ca 20 min.)

Arrivo all’aeroporto internazionale di Colombo, disbrigo formalità di sbarco, incontro e benvenuto da parte del ns agente locale e e trasferimento a Negombo. Pranzo libero. Nel pomeriggio effettuerete un’escursione nei canali detti Muthurajawela Marshes , a sud di Negombo.La riserva copra una superficie di 60000 ettari, inclusa la laguna di Negombo. Viene considerata una delle zone umide più importanti dell’Asia. In canali sono circondati da una fitta rete di mangrovie. Potrete osservare inoltre molte specie di uccelli, molte della quali autoctone. Vedrete inoltre coccodrilli e il pitone dello Sri Lanka

In seguito panoramica della città di Negombo, la più grande dopo Colombo.
Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento

3° Giorno : NEGOMBO – WILPATTU ( 136 km, 3 ore ca ) – ANURADHAPURA ( 40 km, ca 45 min)
Prima colazione e partenza per una delle esperienze naturalistiche più belle del viaggio: il safari in jeep nel Parco Nazionale di Wilpattu. Il Parco Nazionale è stato uno dei primi due parchi nazionali dello Sri Lanka, essendo stato fondato nel 1938. Insieme al parco Yala. E’ noto soprattutto per la sua varietà di animali selvatici; ha un ruolo importante nella conservazione dell’elefante dello Sri Lanka e uccelli acquatici. Ospita 215 specie di uccelli incluse sei specie endemiche dello Sri Lanka. Ha anche la più alta densità di leopardi del mondo, orsi dello Sri Lanka, daini, sambar e molti altri mammiferi.

Pranzo libero.

Proseguimento per Anuradhpaura. Sistemazione in hotel. Pernottamento

4° Giorno : ANURADHAPURA – TRINCOMALEE ( 100 km. 2 ore ca )

Prima colazione e visita della cittadella sacra di Anuradaphura.  Fu  prima capitale di Sri Lanka, fondata nel 4° secolo prima di Cristo. Secondo il Mahavamsa, la cronistoria singalese buddista, la città era un modello di pianificazione. Vi erano recinti per i cacciatori e per gli addetti alla pulizia ed anche per gli eretici ed i forestieri. C’erano ostelli ed ospedali, cimiteri per le alte caste e quelli per le basse. L’erogazione dell’acqua veniva poi assicurata attraverso grandi cisterne. Era una delle principali città dell’Asia e del mondo intero. Anuradhapura fu capitale per seicento anni. Con l’accrescersi di guerre fratricide per la successione al trono, essa diventò molto più vulnerabile alle pressioni dell’espansionismo politico degli Indiani del Sud.

Un risultato più pratico della diffusione della sua fama fu l’unificazione, attraverso la lealtà alla religione nazionale delle diverse colonie singalesi.Intorno allo stesso periodo ebbero inizio le invasioni dravidiche, che si rovesciarono sull’isola, ondate dopo ondate, per circa millecinquecento anni.Pur assorbendo in gran parte cultura e popolo indù che queste invasioni lasciarono indietro, il paese rimase sempre uno Stato Buddista.Sotto la pressione dravidica, tuttavia, la capitale, che era rimasta in Anuradhapura fino al decimo secolo d.C., dovette essere cambiata molte voltesuccessivamente: prima a Polonnaruwa, la rocciosa foresta nelle vicinanze di Kurunegala, poi a Kotte, nelle vicinanze di Colombo, ed infine sulle montagne kandyane, dove il regno singalese rimase fino al suo totale annientamento.L’ antica città, che è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, ricopre un’area di oltre 40 km2 , ed è uno dei principali siti archeologici del mondo.Visita  dell’’albero sacro Sri Maha Bodhi, il bianco Ruvanvelisaya Dagoba circondato da un bel parco pieno di verde, il Thuparama Dagoba ( il Dagoba più antico dello Sri Lanka) , l’imponente Abhayagiri Dagoba il cui monastero ospitava 5000 monaci, il Mahasena’s Palace che contiene la pietra di luna scolpita più bella di tutto lo Sri Lanka, il monastero di Ratnaprasada ( Palazzo delle Gemme) i cui monaci offrivano rifugio alle persone che erano nei guai con le autorità, il Palazzo Reale, le due vasche gemelle Kuttam Pokuna, il Jetavanarama Dagoba con la sua immensa cupola, il gigantesco Mirisavatiya Dagoba, i vasti Giardini Reali che occupano 14 ettari e contengono 2 laghetti, il Tempio rupestre di Isurumuniya Vihara ed il Museo Archeologico. Pranzo libero in corso d’escursione. In seguito proseguimento per Trincolmalee.

All’arrivo sistemazione in hotel. Cena e pernottamento

5° Giorno: TRINCOMALEE
Prima colazione. Tempo da dedicare alle attività balneari a al relax. Pranzo libero. Nel tardo pomeriggio visita del tempio induista di  Koneswaram, un  tempio di epoca medievale  dedicato al Signore Venkateswara, una delle incarnazioni del dio Vishnu, che si crede sia apparso qui per salvare l’umanità dalle prove e difficoltà inerenti all’epoca storica del Kali Yuga. Il tempio è costruito in architettura dravidica e si crede possa esser stato costruito in un periodo di tempo a partire dal 300 d.C.. E’ meta di molti pellegrinaggi di fedeli induisti. Dopo la visita rientro in hotel per la cena ed il pernottamento.

6° Giorno: TRINCOMALEE – POLLANARUWA ( 107 km, 2.15 ) –SIGIRIYA ( 60 km, 1.15 min.)
Prima colazione e partenza alla volta di Sigiriya. Lungo il percorso visita al sito di Pollanaruwa, la capitale medievale dello Sri Lanka del XII sec, patrimonio dell’UNESCO, con le sue famosissime statue di Buddha. Fu dichiarata capitale dal re Vijayabahu I, che sconfisse gli invasori Chola nel 1070 e riunì il regno sotto il suo dominio. La vittoria di Vijayabahu I e lo spostamento della capitale a Polonnaruwa sono considerati momenti storicamente significativi; tuttavia, l’eroe di Polonnaruwa che assurse alla notorietà ed ai libri di storia è suo nipote, Parakramabahu I.

 

Il regno di Parakramabahu è considerato l’età d’oro di Polonnaruwa: sotto il suo regno fiorirono l’agricoltura ed i commerci, grazie anche alla realizzazione di avanzati bacini di irrigazione delle terre, tesi a non sprecare neanche una goccia dell’acqua piovana. Tali bacini, ancora oggi, forniscono l’acqua per le coltivazioni a terrazza dell’est di Sri Lanka. Grazie a tali bacini, il regno di Polonnaruwa fu completamente autosufficiente durante il regno di Parakramabahu.

l maggiore di questi bacini è il Parakrama Samudraya, o “mare di Parakrama”, ampio al punto da essere spesso confuso con l’oceano, dato che, a causa della sua ampiezza, da una delle rive è impossibile vedere quella opposta.Il regno terminò con l’invasione di Arya Chakrawarthi nel 1284, che forzò lo spostamento della capitale a Dambadeniya. L’antica Polonnaruwa oggi è uno dei siti archeologici meglio conservati di Sri Lanka ed è stata inserita nel 1982 tra i patrimoni dell’umanità riconosciuti dall’UNESCO. Pranzo libero lungo il percorso. Proseguimento per Sigiriya. All’arrivo sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

7° Giorno : SIGIRIYA

Prima colazione e salita alla famosa Rocca. Sigiriya, considerata da alcuni l’ottava meraviglia del mondo, è composta da un antico castello eretto da re Kasyapa nel quinto secolo.

Il sito archeologico di Sigiriya contiene i resti del palazzo maggiore costruito sulla sommità piatta della collina, una terrazza di medio livello che comprende la Porta dei Leoni ed un muro con affreschi, il palazzo secondario che si arrampica sui pendii sotto la roccia, ed i fossati, le mura ed i giardini che si estendono per centinaia di metri oltre il bordo della roccia.Il sito fungeva sia da palazzo sia da fortezza. I ruderi rimasti sono sufficienti per permettere ai turisti di restare stupefatti della semplicità ed allo stesso tempo della creatività dei suoi architetti

Nel pomeriggio visita al villaggio di Habarana dove avrete la possibilità di vedere da vicino la vita tradizionale della campagne cingalesi. Potrete anche assistere alla preparazione di alcuni piatti tradizionali ed assaggiare il pregiato thé di Ceylon. A scelta possibilità di effettuare un’escursione in canoa sul lago. Rientro in hotel a Sigiriya per la cena ed il pernottamento.

 

8° Giorno: SIGIRIYA –DAMBULLA-MATHALE ( 60km, 1.30)-KANDY ( 50 km, 45 min.) FESTIVAL di RANDOLI PERAHERA.
Prima colazione e partenza per Kandy. Lungo il percorso  sosta a  per Dambulla per la visita alle straordinarie grotte.
È il tempio di roccia meglio conservato dello Sri Lanka. Le torri di 160 metri sovrastano le pianure circostanti. Vi sono oltre 80 grotte riconosciute nel circondario. Le principali attrazioni sono sparse in 5 diverse grotte, e comprendono statue e pitture. Quasi tutte queste opere si riferiscono al Buddha ed alla sua vita.

In seguito sosta a Matale.  Visita del giardino delle spezie  un’esperienza memorabile. Dall’antichità l’isola commercia spezie di massima qualità a livello internazionale. Le colline fertili di Matale sono fitte di fiorenti piccole coltivazioni di spezie aromatiche (chiodi di garofano, cannella, cardamomo, macis, noce moscata, pepe, ecc.) in gran parte destinate all’esportazione. Il governo dello Sri Lanka è impegnato nell’attività di promozione e di diffusione della coltivazione delle spezie nei giardini. Passeggiando in questi luoghi in visita guidata, personale esperto educa alla conoscenza delle diverse spezie ed erbe benefiche: la coltivazione accurata nell’ambiente naturale, i metodi di trattamento, le proprietà curative, medicinali e cosmetiche ayurvediche.

Arrivo a Kandy, l’antica capitale dello Sri Lanka e sistemazione in hotel.
Cena e pernottamento.

9° Giorno: KANDY
Prima colazione e visita al tempio della reliquia del dente di Bhudda, il tempio buddhista più sacro di tutto il Paese, dove si venera  la reliquia di Buddha.  Il tempio è meta di pellegrinaggi incessanti fino a tarda notte.  Visita del museo delle gemme, per cui l’isola è famosa, vista del lago inferiore e del lago superiore e del mercato. In seguito visita del bellissimo giardino botanico di Paradeniya .Tempo libero da trascorrere nel centro coloniale della bella cittadina. Cena e pernottamento in hotel

 

10° Giorno : KANDY – NUWARA ELIYA ( in treno, 3:30)
Prima colazione e in tempo utile  trasferimento alla stazione e partenza in il treno ( 1° classe ) per .  Nuwara Eliya.Il paesaggio che si percorre è spettacolare. Si attraverseranno alte colline, piantagioni di thè e verdissime risaie.

 

All’arrivo  visita della città ,  capoluogo della Provincia Centrale dello Sri Lanka. Apprezzata stazione climatica fin dal periodo coloniale inglese, è al centro di estese piantagioni di tè. Il suo nome significa “Città della luce”. Nuwara Eliya è situata a 1,896 m. di quota sulle rive del lago Gregory ed è dominata dalla cima del monte Pidurutalagala, la più alta dell’isola. È soprannominata “Little England” perché ricorda una tipica cittadina del Regno Unito. Gli edifici amministrativi sono in mattoni, le case private hanno spesso il tetto in legno e non mancano pubs, campi da golf e galoppatoi, svaghi preferiti dagli Inglesi allora come oggi. Il cielo poi spesso coperto da nuvole e le notti piuttosto fresche contribuiscono a creare questa strana sensazione di una Inghilterra nel bel mezzo dei Tropici. Difficile credere che la calda e umida Colombo si trovi ad appena 180 km di distanza. Le colline dei dintorni sono state terrazzate per accogliere colture di ortaggi tipiche dell’Europa mentre estese piantagioni forniscono le migliori qualità di té al mondo. Sistemazione in hotel e pernottamento.

11° Giorno: NUWARA ELIYA – SINHARAJA ( 180km, 5.30 )
Prima  colazione e partenza per Sinharaja.  Arrivo alla Riserva della Rain Forest, Ha un’importanza internazionale ed è stato inserito tra le riserve della biosfera e tra i Patrimoni dell’umanità dall’UNESCO. La collinosa foresta vergine fa parte dell’ecoregione nota come Sri Lanka lowland rain forests, e si salvò dallo sfruttamento commerciale grazie alla sua inaccessibilità. Venne dichiarata Riserva della biosfera nel 1978, e patrimonio dell’umanità nel 1988. Il nome del parco significa Regno del Leone.

 

La riserva misura soli 21 chilometri da est ad ovest, e 7 da nord a sud, ma è un tesoro per quanto riguarda le specie endemiche tracui alberi, insetti, anfibi, rettili, uccelli e mammiferi. Un fenomeno interessante è quello che vede gli uccelli spostarsi in stormi formati da diverse specie, guidati dagli impavidi drongo del paradiso e dai chiassosi Garruli della giungla di Sulawesi. Delle 26 specie endemiche di uccelli, le 20 forestali possono essere osservate nel parco, inclusi i rari malcoha faccia rossa, i cuculi fagiani di Sri Lanka e la gazze azzurra di Sri Lanka.

Sistemazione al Rain Forest Edge Cena e pernottamento.

12° Giorno: SINHARAJA –GALLE ( 95 km, 2.40) –MIRISSA ( 43 km, 1 ora)
Prima colazione in hotel e partenza per Mirissa, via Galle. Visita di Galle e del suo forte ( Patrimonio UNESCO )
Galle è il capoluogo della Provincia Meridionale dello Sri Lanka. Conta circa 100,000 abitanti (2008). È situata all’estremità sud-occidentale dell’isola. Fin dai tempi più remoti era un importante scalo commerciale già noto al mondo greco-romano. Frequentato per lo più da mercanti arabi, era conosciuto con il nome di Gimhathiththa, sebbene il viaggiatore Ibn Batuta si riferisca alla città con il nome di Qali. Nel 1505 una nave portoghese sotto il comando di Lourenço de Almeida vi fece approdo per sfuggire ad una tempesta. Gli abitanti opposero una feroce resistenza ai nuovi venuti ma la città fu presa con la forza. San Francesco Xavier la visitò nel 1545. Durante il periodo coloniale olandese Galle conobbe un notevole sviluppo. Nel 1663 le mura costruite dai Portoghesi furono rinforzate così come i suoi molti bastioni. Negli anni del successivo dominio britannico la città decadde in quanto i nuovi dominatori preferirono ampliare il porto di Colombo. Nel 1988 L’UNESCO inseriva Galle nella lista dei Patrimoni Mondiali dell’Umanità. Al termine delle visite trasferimento a Mirissa. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento

 

13° Giorno : MIRISSA –COLOMBO ( 155 km, 2.40 min.)
Verso le ore 06:00 lascerete l’hotel per l’avvistamento della balene e dei delfini ( colazione box fornita dall’hotel ).

 

In seguito partenza per Colombo. Visita orientativa della città: l’antico Parlamento, la sala conferenze del Bandaranayake Memorial International, la Piazza dell’Indipendenza, il Municipio, il tempio buddhista Gangarama ed il Parco  Viharamahadevi. Dopo le visite sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

14° Giorno : COLOMBO – volo di rientro in ITALIA

Prima colazione. In tempo utile trasferimento in aeroporto e volo di rientro

QUOTA INDIVIDUALE di PARTECIPAZIONE
con 6 persone: 1750 euro

supplemento camera singola: 380 euro

I vostri hotel o similari

LocalitàHotelNo. nottiWeb
NegomboDay 01Pegasus Reef hotel- ****Standard Room011.

www.pegasusreefhotel.com/

AnuradhapuraDay 02Palm Garden hotel- ****Standard Room011.

www.palmgardenvillage.com/

TrincomaleeDay 03- Day 04Ananthamaa Beach hotel Standard Room****02www.anantamaa.com/
SigiriyaDay 05 – Day 06Elephas hotel- ***+Deluxe  Room02www.elephassigiriya.com/
KandyDay 07-Day 08Hotel Topaz – ****Deluxe Room02www.topaz.lk/ 
NuwaraeliyaDay 09.Hill Pride city hotel ***+Deluxe01www.hillpridecityhotel.com/
SinharajaDay 10Rain forest Edge – ****+Standard Room  

    01

www.rainforestedge.com/
MirissaDay 11 Mandara Resort- ***Standard  sea View Room 01www.mandararesort.com/

1.

 

ColomboDay 12Pearl Grand Hotel **** Deluxe011.

2.     pearlgrouphotels.com/

 

 

 

LA QUOTA COMPRENDE:

-sistemazione in camera doppia per 12 ( dodici ) notti con prima colazione
-tutti i trasferimenti
-tour come da programma con mezzo privato
-la mezza pensione ( cena )
-guida parlante italiano per tutta la durata del tour
-accompagnatore esperto orientalista, Sig Giancarlo Pagliero
-tutti gli ingressi ai siti, monumenti citati nel programma
-omaggio di arrivederci
-acqua minerale a bordo mezzo

LA QUOTA NON COMPRENDE

-Il volo dall’Italia
-il visto d’ingresso in Sri Lanka ottenibile con procedura on line
-i pasti non menzionati e le bevande ai pasti
-il facchinaggio e le mance al personale locale
-early check in e late check out
-tutto quanto non indicato alla voce: “ La quota comprende”

Per richiedermi informazioni, preventivi, dettagli su questo o su altri viaggi potete scrivermi utilizzando la form sottostante o contattarmi via mail, telefono o skype.

Posta elettronica: giancarlo.pagliero@libero.it
Telefono: 345 6705489 (da lunedì a venerdì dalle 09:00 alle 20:00 – Sabato su appuntamento telefonico)
Skype: giancarlop