Un Paese sorprendente, ricco di storia e di siti archeologici di grandissima importanza.  Un paradiso dolce e sinuoso che offrirà al visitatore  molto di più di quanto ci si potrebbe aspettare. Gran finale relax sulle spiagge dell’Oceano Indiano. Un viaggio-esperienza dedicato non solo a chi danza e vuole arricchire la sua formazione, ma anche a chi intende il viaggio come un momento da vivere in pieno lasciandosi ispirare e coinvolgere in nuove esperienze.

L’antropologa Silvia Pitarresi  vi condurrà a sperimentare un percorso particolare lavorando sulle connessioni, la sua danza (kibeat dance) si unisce ai saperi orientali dello Shiatsu e diventa un lavoro di risveglio energetico (Ki) attraverso i meridiani (linee energetiche) che attraversano il corpo e in relazione agli elementi della Natura.….Perchè il mare, tutti lo sappiamo, è fatto da infinite piccole gocce.

 

 

1° Giorno: MILANO – COLOMBO
Partenza da Milano Malpensa con voli di linea e scalo intermedio. Pasti e pernottamento a bordo.

2° Giorno: COLOMBO- NEGOMBO –PINNAWELA- SIGYRIYA
Arrivo a Colombo, incontro con la guida locale parlante italiano e trasferimento a Sygirya.

Lungo il percorso visita dell’orfanotrofio degli elefanti di Pinnawela. ( 75 km.ca 2 ore ). L’orfanotrofio degli elefanti è stato aperto dal governo nel 1975 con quattro piccoli elefanti orfani. Oggi ci sono oltre 70 elefanti ed è il più grande orfanotrofio per elefanti nel mondo.
I piccoli elefanti sono rimasti orfani perché i loro genitori sono stati vittime dei bracconieri o hanno avuto incidenti o conflitti con i contadini dei villaggi.Alcuni elefanti presenti qui sono molto piccoli, alcuni addirittura neonati perché nati all’interno dell’orfanotrofio (ogni anno circa nasce un elefante). Ci sono molti elefanti giovani e vigorosi, e i più anziani si prendono cura dei più piccoli. Tutti gli elefanti sono “custoditi” dal loro “mahout”, (custode) che si prende cura della loro alimentazione.Proseguimento per Sygiriya ( 110 km. ca 2:30 )  e sistemazione in hotel.

sri lanka sigiriya

 

3°Giorno: SYGIRIYA – HABARAN- MINNERIYA –SYGIRIYA
Prima colazione e visita della famosa rocca. Sigiriya, considerata da alcuni l’ottava meraviglia del mondo, è composta da un antico castello eretto da re Kasyapa nel V sce Il sito archeologico di Sigiriya contiene i resti del palazzo maggiore costruito sulla sommità piatta della collina, una terrazza di medio livello che comprende la Porta dei Leoni ed un muro con affreschi  il palazzo secondario che si arrampica sui pendii sotto la roccia, ed i fossati le mura ed i giardini che si estendono per centinaia di metri oltre il bordo della roccia.Il sito fungeva sia da palazzo sia da fortezza. I ruderi rimasti sono sufficienti per permettere ai turisti di restare stupefatti della semplicità ed allo stesso tempo della creatività dei suoi architetti.
Il palazzo maggiore situato sulla cima della roccia comprende delle cisterne tagliate nella roccia che contengono ancora acqua. I fossati e le mura che circondano il palazzo inferiore posseggono ancora una bellezza simile a quella originaria. Vi si accede attraverso una lunga scala scavata nella roccia.

 

In seguito foto safari a dorso di docili elefanti e visita di un villagio rurale dove avrete l’opportunità di venire in contatto con l’autentica vita cingalese visitando una famiglia locale dove vi verrà mostrato come cucinare alcuni piatti tradizionali. In seguito escursione a dorsi di docili elefanti attorno al villaggio di Habaran. Il percorso si svolge in una natura spettacolare Proseguimento per il jeeep safari nel Parco di Minneriya, che protegge un tratto di foresta e un lago che è un’importante riserva d’acqua nella stagione secca per gli animali e soprattutto per gli elefanti. Nel parco vivono naturalmente anche altri animali : scimmie, leopardi, cervi, bradipi e diverse specie di uccelli. In seguito escursione a dorsi di docili elefanti attorno al villaggio di Habaran. Il percorso si svolge in una natura spettacolare.

 

Rientro in hotel a Sygiriya.

Nel tardo pomeriggio Silvia Pitarresi vi condurrà sulle vie del ritmo, in un percorso d’ascolto e connessione energetica. Un’occasione durante la quale si lavorerà sulla consapevolezza del corpo quale canale che vibra e vive della stessa Energia del cosmo e la cui gestualità si tradurrà in movimenti danzati dalle finalità catarchiche. Tema del workshop: l’energia della Terra.Cena e pernottamento in hotel

 

4° Giorno: SYGIRIYA – DAMBULLA- MATALE- KANDY
Prima colazione e partenza per Kandy. Lungo il percorso visita alle straordinarie grotte di Dambulla ( 15 km. ca 30 min)


È il tempio di roccia meglio conservato dello Sri Lanka. Le torri di 160 metri sovrastano le pianure circostanti. Vi sono oltre 80 grotte riconosciute nel circondario. Le principali attrazioni sono sparse in 5 diverse grotte, e comprendono statue e pitture. Quasi tutte queste opere si riferiscono alìl Buddha ed alla sua vita. Dopo la visita proseguimento per Mathale ( ca 65 km. 1.30 ca ) .  Visita del giadino delle spezie di Matale, un’esperienza immemorabile. Dall’antichità l’isola commercia spezie di massima qualità a livello internazionale.

Le colline fertili di Matale sono fitte di fiorenti piccole coltivazioni di spezie aromatiche (chiodi di garofano, cannella, cardamomo, macis, noce moscata, pepe, ecc.) in gran parte destinate all’esportazione. Il governo dello Sri Lanka è impegnato nell’attività di promozione e di diffusione della coltivazione delle spezie nei giardini. Passeggiando in questi luoghi in visita guidata, personale esperto educa alla conoscenza delle diverse spezie ed erbe benefiche: la coltivazione accurata nell’ambiente naturale, i metodi di trattamento, le proprietà curative, medicinali e cosmetiche ayurvediche.Proseguimento per Kandy. ( km 30, ca 30 min ), l’antica capitale del Paese. Visita del tempio della reliquia di Buddha, il tempio buddhista più sacro di tutto il Paese, dove si venera  la reliquia di Buddha. Sistemazione in hotel.Pernottamento

5° Giorno: KANDY

Prima colazione in hotel quindi visita della città. Kandy è senza’altro uno dei posti più belli di Sri Lanka. Visita diurna del Tempio della reliquia di Buddha che merita senz’altro un approfondimento, dopo il bagno di folla della sera precedente. In seguito assisterete ad uno spettacolo di danze tradizionali. Una leggenda vuole che la danza kandiana sia nata 2500 anni fa, in seguito alla liberazione di un re da un incantesimo.

Inizialmente le danze erano riservate agli uomini. Poi la pratica si è estesa anche alle donne. E’ riposto nelle tradizioni e leggende l’eleganza e raffinatezza nelle danze dello Sri Lanka, un passepartout molto particolare per scoprire questo paese alla ricerca della serenità e della pace, che trasmette il suo spirito folclorico attraverso le sue danze antichissime le cui origini risalgono a circa 2500 anni fa. Nonostante una influenza tamil in alcuni balli, le danze dello Sri Lanka hanno caratteristiche proprie legate al simbolismo, alle leggende, al rapporto con la natura e sono diverse a seconda delle zone di origine, siano esse pianura o colline.

Parlando del folklore dello Sri Lanka e delle sue Festività, l’elemento religioso è ancora fortissimo nella caratterizzazione dei costumi, mentre ogni momento della vita è oggetto di cerimoniali molto curati. Assai sviluppati e persistenti quelli connessi alla vita dell’infanzia e alla celebrazione delle nozze e alle molto diffuse cerimonie propiziatorie legate alla vita agricola, soprattutto nel Sud del Paese.
Qui sono parecchi i canti (specie femminili) che accompagnano il lavoro nei campi e ancora in auge le danze contadine eseguite solitamente intorno al tamburo (detto rabana).
Le danze e le cerimonie più spettacolari che si svolgono in Sri Lanka sono quelle l’Esala Perahera: si tengono a Kandy, sul monte Esala e celebrano la nascita di Visnù, con la processione della Sacra Reliquia del Dente di  Buddha. Molti pensano che tali spettacoli, siano stati “confezionati per i turisti”,ma così non è, vista la ricchezza di simbolismi in esssi contenuti: quindi turatevi le orecchie dinanzi agli sbruffi di vari turisti, e vivete appieno le atmosfere sonore, le mimiche ed i gesti dei ballerini/e, il loro abbigliamento..e gli stupendi tamburi di Kandy, che con il loro suono, trascinano quasi in una catarsi i danzatori!

Lasciatevi solo trascinare da questi ritmi che non possono lasciarvi indifferenti! Grandi i loro virtuosismi, le movenze, bellissimi gli abiti sia dei danzatori e delle ballerine! Trascinante il ritmo dei tamburi…

Il tamburo più utilizato a Kandy per le danze è conosciuto come la “Geta Bera” e viene suonato con entrambe le mani, fornendo suoni diversificati. Vi è poi il tamburo definito “Davula”, suonato con un bastone da un lato e con una mano sul lato opposto, il “tammetana bera”, formato da due piccoli tamburi legati fra loro.

Bello e ricercato il loro costume tradizionale: un ampio sarong, una ampia fascia di seta rossa avvolta alta alla vita e un turbante con dei piccoli pennacchi.

Ci sono due stili principali della danza nello Sri Lanka:
• Le danze Kandyane vere e proprie che sono considerate la danza classica dello Sri Lanka con cinque tipi distinti di stili di danza: la ves, il naiyandi, l’ uddekki, il pantheru e la danza,vannams. I danzatori portano decorazioni beadwork sul petto, una cintura, file di perle al collo, catene d’argento, cavigliere, con dei sonagli, secondo la danza eseguita…un tripudio di colori e di bellezza!

Tempo libero per una passeggita al mercato tradizionale e lungo le strade della città per meglio entrate nell’atmosfera del posto. Visista al Museo delle gemme, per cui l’isola è famosa.

Nel tardo pomeriggio, insieme a Silvia Pitarresi, ispirati da quanto visto e sulla scia del precedente incontro, si proverà a vivere in prima persona il potere liberatorio della danza. Un momento per lasciarsi andare alla ricerca del proprio ritmo interiore. Cena e penottamento in hotel.

 6° Giorno:  KANDY – BERUWALE
Prima colazione e visita del Giardino Botanico di Peradeniya , dove potrete ammirare moltissimi tipi di alberi ed arbusti atoctoni e tipici del clima sub tropicale caldo umido. In seguito  partenza per Bentota ( 180 km, ca 4 ore ). Arrivo e sistemazione in hotel.

 7°  e 8° Giorno: BERUWALA
Prima colazione. Giornate a disposizione per attività balneari e per provare  le terapie della scuola ayurvedica. Incontri con Silvia Pitarresi. Cena e pernottamento in hotel.

9° Giorno: BERUWALA –COLOMBO –aeroporto e volo di rientro.
Prima colazione e partenza per Colombo ( 60 km ca , 1:30 ). Panoramica della città. All’ora convenuta trasferimento in aeroporto e volo di rientro
I Vostri hotel

N°notti Località Hotel camera Web
2 Sigiriya Sigiriya village classic www.sigiriyavillage.com/
2 Kandy (02 Nights) Hotel Topaz Deluxe www.tourmaline.lk/
3 Beruwala (03 Nights) The palms Deluxe www.palmsberuwala.com/

 

QUOTA INDIVIDUALE di PARTECIPAZIONE:  1270 euro

in camera doppia

BASE min. 8 PERSONE

Suppl. camera singola:   350 euro

 

LA QUOTA COMPRENDE:

-sistemazione in camera doppia negli hotel indicati o similari
-circuito come da programma
-mezzo privato con autista professionista ed aria condizionata
-la mezza pensione ( prima colazione e cena )
-guida in italiano per tutta la durata del tour
-tutti gli ingressi si siti menzionati
-workshop in compagnia di Silvia Pitarresi
-accompagnatore esperto di cultura buddhista ( per ragioni tecniche potrebbe già trovarsi a Colombo )

LA QUOTA NON COMPRENDE

-volo dall’Italia a partire da 650 euro e soggetti a variazione
-i pranzi e le bevande in genere
-il visto d’ingresso in Sri Lanka on line del costo di ca 40 euro
-mance ed extra personali in genere

 

SILVIA PITARRESI

Laureata in Filosofia (tesi di laurea in Antropologia Culturale), si perfeziona in Mediazione e Comunicazione Interculturale presso l’Università degli Studi di Torino.
Approfondisce la sua formazione attraverso costanti viaggi di conoscenza in Senegal (Dakar e Casamance) e, soprattutto, in Marocco (sud). Punta l’attenzione sulle forme comunicative artistiche (quali canali di comunicazione) e sull’energia vitale che scorre e si esprime in ogni cosa. Per quest’ultimo motivo, decide di intraprendere lo studio dello Shiatsu  e della filosofia che lo sostiene (V livello presso Istituto Europeo di Torino).

Dall’età di sei anni studia diverse tecniche di danza ed espressione corporea (dal Classico, al  Jazz, all’Afro), per infine specializzarsi nella danza contemporanea di espressione africana. Studia in Italia e in Francia (Bordeaux)  con ballerini e coreografi di fama internazionale quali Katina Genero, Vincent Harisdo, Koffi Koko e Merlin Nyakam.

Collaborando con diversi artisti, dal 2002 insegna danza di espressione africana sviluppando uno stile proprio, crogiulo delle tecniche apprese. Lavorando sulle connessioni, la sua danza (kibeat dance) si unisce ai saperi orientali dello Shiatsu e diventa un lavoro di risveglio energetico (Ki) attraverso i meridiani (linee energetiche) che attraversano il corpo e in relazione agli elementi della Natura.

Partecipa con coreografie e si esibisce in diverse occasioni del panorama piemontese: dalla rassegna “Perturbazioni Giovanili”, presso il teatro della Concordia di Venaria Reale a ” Lunathica”, festival internazionale di teatro di Nole (TO). Contemporaneamente, in qualità di esperta, collabora con il CIOFS (centro di formazione professionale del Piemonte)  nel processo formativo di diversi profili professionali del settore educativo e turistico.

Partecipa, come consulente, al progetto “Interventi Civili di Pace”, organizzato dall’assaciazione “UN PONTE PER…” di Roma, in partnership con l’associazione Servizio Civile Internazionale ed il contributo del Ministero degli Affari degli Esteri.
Inoltre, collabora nella progettazione dell’offerta formativa 2009-2010 del Centro Studi Sereno Regis di Torino (polo gandhiano per la risoluzione dei conflitti in maniera non violenta).

Dal suo cammino nascono workshops di perfezionameto e approfondimento di tematiche legate alla continua ricerca dell’ésprit vital.

Fondatrice e promotrice del progetto: “Heritage – Cultura in Movimento”, lavora assiduamente dal 2005 con l’obiettivo d’incontrare e costruire ponti artistici, collaborando con diverse realtà tra cui:

– “Edo artiste association of Nigeria – Italy –

– Studio olistico “ Metanoia” di Torino.