Un tuffo a New York, una delle città più magiche del mondo. Una metropoli affascinate, vibrante e piena di contraddizioni. Visita dei simboli iconici della città. Da Brooklyn ad Harlem. Sperimenteremo inoltre un nuovo  modo di vedere New York dall’alto  dal nuovissimo Summit  One Vanderbilt, un grande spazio di intrattenimento che si estende su 4 livelli con una serie di sky-box, in vetro trasparente, che sporgono oltre il grattacielo a 324 metri sopra Madison Avenue: una prospettiva mozzafiato! Summit OV si trova in pieno centro a Manhattan, quindi con un punto di vista privilegiato sull’Empire State Building e sul Chrysler Building. Abbonamento settimanale alla metro di NY. Hotel centralissimo. Trasferimenti aeroporto / hotel/ aeroporto inclusi. Escursione in battello alla Statua della Libertà e visita di Ellis Island, nonché la visita dello straordinario museo MET, uno dei più importanti luoghi dell’arte al mondo. Viaggio condotto da Giancarlo Pagliero.

 

 1° Giorno  7 giugno: ITALIA – NEW YORK
Partenza da Milano Malpensa. Arrivo a New York. Trasferimento in hotel. Sistemazione. Cena libera e pernottamento.

2° Giorno 8 giugno: MID MANHATTAN –SUMMIT ONE VANDERBILT
Il nostro percorso di oggi ci condurrà alla scoperta di una delle zone più iconiche della città: Mid Manhattan. E’ senz’altro l’aerea di New York universalmente conosciuta per i suoi grattacieli che hanno costituito la scenografia di moltissimi film famosi in tutto il mondo. Con la subway procederemo verso Nord fino a Grand Central, situata a Midtown Manhattan.

Prende il nome e venne creata dalla New York Central Railroad nel periodo d’oro del trasporto ferroviario a lunga percorrenza. È la stazione ferroviaria più grande del mondo per numero di banchine: 44, con 67 binari. Lo scalo si sviluppa su due livelli, entrambi sotto terra, con 41 binari nel piano superiore e 26 in quello inferiore. L’atrio principale (Main Concourse) è al centro della Grand Central.

Questo è un luogo di incontro perenne, e l’orologio a quattro facce in cima al banco informazioni è forse l’icona più riconoscibile di Grand Central. Terminal. Ognuna delle quattro facce dell’orologio è realizzata in opale, e si stima che il suo valore sia compreso tra i 10 e i 20 milioni di dollari. Un restauro realizzato nell’autunno del 1998 permise di vedere l’originale lucentezza dell’elaborato soffitto decorato con una mappa stellare. Il soffitto originale, dipinto nel 1912 dal pittore francese Paul César Helleu, fu sostituito alla fine del 1930 a causa della caduta dell’intonaco.
Proseguendo, vedremo il famoso Cryslers Building, un grattacielo in stile art déco della città di New York, situato nell’East Side del quartiere Midtown all’angolo tra la 42ª Strada e Lexington Avenue.

L’edificio conta 77 piani per un’altezza complessiva di 318,90 metri, mentre il livello più alto abitabile è il 73º piano, posto a 252,30 metri di altezza. Fino al 1931, data di costruzione dell’Empire State Building, era il grattacielo più altro del mondo.

ll Chrysler Building è stato eletto nel 2005 “il più bel grattacielo di New York” da una giuria composta da cento architetti, critici, ingegneri, storici dell’arte, avvocati e studenti americani. E’ costruito in acciaio inossidabile, mattoni grigio chiaro e marmi scuri. Scendendo poi lungo Park Avenue troveremo il grattacielo forse più famoso d’America: l’Empire State Building.

Sempre in stile Art Decò,  è divenuto uno dei maggiori simboli della città, con i suoi 443 metri di altezza ed è  stato il grattacielo più alto del mondo fra il 1931 e il 1973, quando fu superato dalle Torri Gemelle del World Trade Center. Riassunse il primato cittadino dopo gli attentati dell’11 settembre 2001, e tornò al secondo posto nel 2014, con l’inaugurazione del One World Trade Center.  In seguito ci spingeremo fino alla 23° dove, poco lontano, si trova uno dei grattacieli più curiosi di New York, il  Flatiron Building.

Il grattacielo risalente al 1902 e che misura solo 91 metri di altezza, è oggi superato dai grattacieli più alti di New York. Tuttavia, rimane uno degli edifici più belli della città. Il Flatiron Building è un edificio a forma di ferro da stiro e si trova all’incrocio tra Broadway e la Fifth Avenue.  Scenderemo ancora fino a Union Square. L’animato quartiere di Union Square è situato intorno all’omonima piazza pedonale e all’affollato parco, che attira professionisti, artisti di strada, studenti e dimostranti.

Nelle strade circostanti si trovano grattacieli residenziali e negozi di grandi catene, oltre a ristoranti e caffè informali. La zona è famosa anche per il Green Market, un mercato all’aperto dove gli agricoltori locali vendono prodotti freschi. Pranzo libero. In seguito  ( ingresso già prenotato e incluso nella quota ) ci recheremo al Summit One Vanderbilt per effettuare una delle esperienze più emozionanti del viaggio. Il ponte di osservazione del Summit One Vanderbilt si sviluppa su tre piani dell’imponente grattacielo. Da qui si ha una vista unica dell’Empire State Building, del Chrysler Building, del Bryant Park e di Times Square, che si trovano nelle vicinanze.

Oltre alla bellissima panoramica, il ponte di osservazione offre ‘Air’, un’esperienza artistica che puoi percorrere a piedi. All’ingresso entreremo nella ‘Transcendence’: uno spazio con soffitti alti, pieno di specchi per creare un’esperienza surreale. In questa enorme spazio, potremmo camminare sopra la balaustra dove potremo ammirare grandi specchi rotondi. Consigliamo di non indossare in quanto il pavimento e il soffitto sono fatti di specchi. L’installazione è stata creata da Kenzo Digital e  si pone come innovativa rispetto all’Empire State Building o al Top of the Rock.

E’ stata inaugurata a ottobre 2021. Lo scopo è quello di creare una visione diversa della realtà che ci circonda e  di  stimolare la curiosità delle persone, anche grazie all’uso mirabile di luci e suoni. I visitatori, inoltre, si vedono riflessi  gioco di riflessi in mille modi. Un’esperienza senza alcun dubbio unica e straordinaria. Proseguimento per Times Square.
Tempo libero. Cena libera. Pernottamento

3° Giorno 9 giugno: STATUA della LIBERTA’- ELLIS ISLAND
Oggi raggiungeremo Battery Park, dove ci imbarcheremo sul battello per effettuare un’escursione alla Statua della Libertà, uno dei simboli di New York. La Statua della Libertà si inaugurò nell’ottobre del 1886 e fu un regalo dei francesi per i 100 anni della Dichiarazione d’Indipendenza degli Stati Uniti. Al suo progetto collaborò Gustave Eiffel, l’ingegnere che ideò la Torre Eiffel.


Proseguimento per Ellis Island, un isolotto parzialmente artificiale alla foce del fiume Hudson nella baia di New York. L’originaria superficie (poco più di un ettaro) fu incrementata fra il 1890 e il 1930 con i detriti derivanti dagli scavi della metropolitana di New York, fino a raggiungere gli 11 ettari. Antico arsenale militare, dal 1892 al 1954, anno della sua chiusura, è stato il principale punto d’ingresso per gli immigrati che sbarcavano negli Stati Uniti. L’isola venne riaperta al pubblico il 10 settembre del 1990: il centro di detenzione, rimasto inattivo dal 1954, divenne un museo nazionale che prese il nome di Ellis Island National Museum of Immigration.

Il museo documenta la ricca storia dell’immigrazione attraverso una collezione di fotografie, cimeli di famiglie e testimonianze storiche delle persone che hanno approdato ai porti statunitensi in passato.
La navigazione promette scorci indimenticabili sullo skyline e sulla baia di New York.

Dopo le visite rientro a Battery Park. Eventuale tempo libero per visitare Wall Street e il distretto finanziario. Tempo libero


Rientro in  hotel in subway.
Cena libera. Pernottamento.


4° Giorno 10 giugno:  MET – HARLEM-SPANISH HARLEM -CENTRAL PARK
Questa mattina visiteremo il MET, uno dei più importanti musei al mondo.

La collezione permanente del MET contiene più di due milioni di opere d’arte, suddivise in diciannove sezioni. Sono permanentemente esposte opere risalenti all’antichità classica e all’antico Egitto, dipinti e sculture di quasi tutti i più grandi maestri Europei, e una vasta collezione di arte statunitense e moderna.

Dopo la visita proseguiremo in subway in direzione Nord fino a giungere ad Harlem. Il quartiere di Harlem, frequentato da un pubblico eterogeneo di residenti e visitatori, è da tempo rinomato per i jazz club intimi, gli storici locali di soul food e il suo patrimonio afroamericano. Conosceremo la storia, il patrimonio culturale e l’anima di Harlem, il leggendario quartiere noto in tutto il mondo come la Mecca nera

. Questa esplosione di orgoglio culturale, definita come “Harlem Renaissance” affonda le sue radici nel 1890, quando una grossa parte di Afro-americani, dopo secoli di schiavitù,– migrano dal Sud rurale al Nord urbano degli Stati Uniti. Vedremo ( visita esterna ) il leggendario Apollo Theater.

Il locale lanciò artisti come Ella Fitzgerald, Billie Holiday, James Brown, Gladys Knight, Michael Jackson e The Jackson 5, Lauryn Hill e Sarah Vaughan. Negli anni ‘60 e ‘70 il club subì un pesante declino, ma si rinvigorì nel 1983 grazie a nuovi fondi. Riaprì completamente nel 1985 e nel 1991 fu acquistato dalla città di New York, che lo diede in gestione alla “Apollo Theater Foundation Inc.

Rientreremo verso Central Park dalla parte di Spanish Harlem, la zona dove si istallò e ancora vive la comunità ispanica della città. Scendendo poi dalla 5° strada faremo una passeggiata a Central Park, il polmone verde di New York, celebrato in moltissimi film, che in primavera si trasforma in un posto speciale, dove la gente pratica sport, si ferma per un pic nic o semplicemente si gode una giornata di sole. Rientro in hotel in subway. Cena libera.

5° Giorno 11 giugno:  PONTE di BROOKLYN e DUMBO
 Oggi  visiteremo un’altra delle icone della città:  il famoso Ponte di Brooklyn. Il ponte di Brooklyn, completato nel 1883 su progetto dell’ingegnere tedesco John Augustus Roebling, è il primo ponte costruito in acciaio e ha rappresentato per lungo tempo il ponte sospeso più grande al mondo.

Nel 1867 infatti, Roebling presentò il disegno di un ponte sospeso sull’East River che collegava la città di New York e la città di Brooklyn (Brooklyn si unì a New York solo nel 1898) e che aveva lo scopo di facilitare gli spostamenti (non solo di persone, ma anche delle merci) tra queste due zone. Il ponte è senz’altro uno dei luoghi più famosi della città.  Percorreremo la passeggiata che porta al ponte e di là a piedi, sul ponte, verso Brooklyn, fino ad arrivare a Dumbo, un piccolo quartiere nel distretto di Brooklyn, incastonato tra il Brooklyn e il Manhattan Bridge. E’ stato reso celebre dallo scatto fotografico dell’Empire incorniciato dalle arcate del Manhattan Bridge, che compare sulla locandina di C’era una volta in America.

Fino a non molti anni fa era un quartiere industriale, costituito da numerose fabbriche e vecchi magazzini, divenuti negli ultimi anni appartamenti di gran lusso. Dumbo è oggi un bel quartiere di gallerie d’arte e boutique.

Ripercorreremo il ponte in senso inverso, per avere davanti a noi lo skyline di Manhattan.

Tempo a disposizione. Pranzo libero.  Rientro individuale in subway. Cena libera. Pernottamento.

 

6 Giorno 12 giugno:  GROUND ZERO
Al mattino, in subway, raggiungeremo Ground Zero e il World Trade Center. Il Memorial Plaza (chiamata anche Memorial 9/11) è una piazza aperta al pubblico..

Due grandi vasche a forma quadrata di circa 4000 metri quadri l’una sono state costruite nel luogo dove prima c’erano le torri. Sulla parte perimetrale di ciascuna fontana sono stati scolpiti i nomi delle vittime. Il memoriale si trova in un bel parco con alberi di quercia bianca e fra di essi c’è il Survivor Tree l’unico albero sopravvissuto alla distruzione

Possibilità di visitare il museo 9/11 ( a pagamento ). Pranzo libero. Tempo libero per visite individuali o acquisti nei tanti negozi o centri commerciali che hanno resto la città famosa in questo settore. Per gli amanti dell’arte contemporanea consigliamo una visita all’imperdibile MoMa ( ingresso a pagamento, 25 $ ). La collezione conservata all’interno del MoMA è un’ineguagliabile antologia d’Arte moderna e Contemporanea e spazia dall’architettura alla fotografia, passando per serigrafia, design, arte multimediale e gli immancabili dipinti e sculture realizzati dalla fine del XIX secolo ad oggi.

 

Il museo ospita alcuni tra i dipinti più famosi della storia come Il Ponte giapponese di Claude MonetLe demoiselles d’Avignon di Pablo Picasso, La notte stellata di Van GoghLa città che sale di Umberto Boccioni e molti altri


Cena libera. Pernottamento.

 

7° Giorno 13 giugno:  volo di rientro
Oggi lasceremo la metropoli americana .  Check out entro le ore 12:00. Possibilità di lasciare il bagaglio in custodia per vivere ancora la città fino al trasferimento in aeroporto dall’hotel. Volo di rientro in Italia.

 

QUOTA INDIVIDUALE di PARTECIPAZIONE
IN CAMERA DOPPIA
MIN  8 PERSONE:  EURO  1250 EURO
SUPPL.SINGOLA: SU RICHIESTA

Prima colazione con supplemento: 20 euro per persona

Possibili voli da altri aeroporti italiani con supplemento

LA QUOTA COMPRENDE

-6 notti in hotel centrale solo pernottamento
-Trasferimento aeroporto / hotel /aeroporto
-Abbonamento MTA  valido 7  giorni per la metropolitana ( Subway ) di New York
– Ingresso con prenotazione al Summit One Vanderbilt
-Escursione alla Statua della Libertà ed Ellis Island
-Ingresso  con prenotazione al Metropolitan Museum of Art ( MET )
– Vista d’ingresso Stati Uniti ( ESTA )
-Assicurazione medico / bagaglio ( comprensiva  Covid )
-Viaggio condotto da Giancarlo Pagliero

LA QUOTA NON COMPRENDE:

-Il volo dall’Italia
-Assicurazione annullamento viaggio pari a 120 euro per persona
-I pranzi e le cene
-Extra personali in genere e ingressi per visite individuali
-tasse di soggiorno in hotel ( ca 8 $ al giorno per persona )

 

Per chi questo viaggio
Per gli amanti dell’architettura, della storia e dell’arte, ma non solo. Abbiamo voluto creare un percorso completo che consenta ai nostri ospiti di venire a contatto, per il tempo che ci è consentito, con il vero melting pot della città multietnica di New York. Vivrete emozioni uniche in un percorso guidato con escursioni organizzate e in metropolitana, usata per gli spostamenti.
Hotel a Manhattan e trasferimenti privati aeroporto / hotel/ aeroporto aggiungono un confort in più ad un viaggio che resterà impresso nella vostra memoria. Il vostro accompagnatore vi guiderà in maniera esperta alla scoperta della città e saprà indicarvi ristoranti e cafeterie sconosciute ai turisti.

 

Normative ingresso USA ( soggette a possibili variazioni )

DISPOSIZIONI PER INGRESSO NEGLI USA
A partire dall’8 novembre 2021 sono cadute le restrizioni agli arrivi negli Stati Uniti per i viaggiatori vaccinati provenienti dall’area Schengen, Regno Unito, Irlanda, Cina, India e Brasile. La Proclamation emanata il 25 ottobre 2021 dal Presidente Biden (“Advancing the Safe Resumpition of Global Travel During the Covid-19 Pandemic“) disciplina nel dettaglio le procedure di accesso per i vaccinati e individua alcune limitate eccezioni all’obbligo di vaccinazione.

1. VACCINATI (FULLY VACCINATED) E VACCINI AMMESSI
a) E’ ammesso l’ingresso negli Stati Uniti ai viaggiatori che hanno completato la vaccinazione. Per “fully vaccinated” si intendono sia i vaccinati con i vaccini approvati da FDA (Moderna, Pfizer e Johnson and Johnson) sia quelli vaccinati con vaccini inseriti nella Emergency Use Listing (EUL) dell’Organizzazione Mondiale della Sanita’ e tra i quali è incluso AstraZeneca.
b) Sono ritenuti “fully vaccinated” anche coloro che hanno ricevuto una vaccinazione mista a condizione che sia stata effettuata con vaccini riconosciuti da FDA o inclusi nella EUL: “any combination of two doses of an FDA approved/authorized or WHO emergency use listed COVID-19 two-dose series“.
c) E’ considerato “fully vaccinated” chi ha ricevuto almeno 14 giorni prima dell’arrivo negli USA la seconda dose di vaccinazione o la dose singola nel caso di vaccini che prevedono una sola inoculazione (Johnson and Johnson).Per maggiori informazioni sulla definizione di “fully vaccinated”: Non-U.S. citizen, Non-U.S. immigrants: Air Travel to the United States | CDC
N.B. Per coloro che hanno recentemente contratto il Covid-19 e che in Italia sono titolari di “green pass” rilasciato con la somministrazione di un’unica dose di vaccino, la possibilità di viaggiare verso gli Stati Uniti è subordinata all’appartenenza ad una delle categorie di viaggiatori per i quali è comunque consentito l’ingresso negli USA (vedere punto 5 di questo avviso). In questo caso, è necessaria la presentazione di un risultato positivo al test virale Covid-19 effettuato non più di 90 giorni prima della partenza del volo, unitamente ad una lettera di un operatore sanitario autorizzato o di un funzionario di sanità pubblica attestante che l’interessato/a è idoneo a viaggiare. (ved. sito CDC https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/travelers/noncitizens-US-air-travel.html)

2. PROVA DI VACCINAZIONE
a) Il Certificato di vaccinazione (ammesso anche in formato digitale) deve essere presentato alla compagnia aerea al momento dell’imbarco.
b) La compagnia aerea dovrà verificare sia la corrispondenza tra i dati del viaggiatore e quelli riportati nel certificato di vaccinazione, sia che il certificato sia stato emesso da un ente o da un organismo ufficialmente titolato all’emissione.

3. COVID TEST PRE-PARTENZA E ALL’ARRIVO
A partire dalle 00.01 del 6 dicembre 2021 (ora della costa atlantica del Nord America o Eastern Time), tutti i viaggiatori indipendentemente dalla cittadinanza e dallo status vaccinale, per imbarcarsi dovranno presentare il risultato negativo di  un test molecolare o antigenico effettuato il giorno prima della partenza. Ad esempio, se la partenza è prevista a qualsiasi orario  di domenica, il test dovrà essere effettuato in un qualsiasi momento del sabato (CDC: CDC Tightens Testing Requirement for International Travel to the US to One Day | CDC Online Newsroom | CDC e Non-U.S. citizen, Non-U.S. immigrants: Air Travel to the United States | CDC ). Viene inoltre  raccomandato di effettuare un ulteriore test (molecolare o antigenico) tra il terzo e il quinto giorno dall’arrivo nel Paese.

 

Rientro in Italia

 Con Ordinanza 22 ottobre 2021, prorogata fino al 31 gennaio 2022 con Ordinanza 14 dicembre 2022, il Ministero della Salute conferma che, se si proviene da Canada, Giappone o Stati Uniti è possibile entrare in Italia anche con una certificazione di guarigione rilasciata dalle Autorità sanitarie locali. Nel caso in cui non vi siano altri soggiorni o transiti in Paesi diversi dai tre qui menzionati, nei quattordici (14) giorni precedenti l’ingresso in Italia, chi voglia entrare/rientrare da questi Paesi senza sottoporsi a isolamento dovrà presentare:

  • Passenger Locator Form debitamente compilato
  • Certificato di vaccinazione o di guarigione (  rilasciato dalle Autorità sanitarie locali competent)i;
  • Risultato negativo di test molecolare condotto con tampone nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Italia, o test antigenico condotto con tampone nelle 24 ore precedenti l’ingresso in Italia.

In assenza di certificato di vaccinazione o di guarigione, si dovrà comunque effettuare il test pre-partenza e, all’arrivo, sarà necessario sottoporsi a isolamento fiduciario per 5 giorni, con successivo test

 

.   

Per richiedermi informazioni, preventivi, dettagli su questo o su altri viaggi potete scrivermi utilizzando la form sottostante o contattarmi via mail, telefono o skype.

Posta elettronica: giancarlo.pagliero@libero.it
Telefono: 345 6705489 (da lunedì a venerdì dalle 09:00 alle 20:00 – Sabato su appuntamento telefonico)
Skype: giancarlop