Un viaggio diverso dal solito viaggio in Thailandia sole e mare. Un percorso etnografico e naturalistico autentico alla scoperta della minoranze etniche del Nord del Paese e di una natura lussureggiante e sorprendente che vi lascerà senza fiato. Sistemazioni in lodge nella foresta, a stretto contatto con la vita vera ed autentica delle persone. Per cercare di comprendere e non solo vedere.

Visita al Parco Nazionale di Khao, di una bellezza rara e stupefacente, ancora poco noto al turismo di massa. E poi il Lago Cheow Larn dove potremo ammirare paesaggi spettacolari. Breve pausa sulle spiagge di Hua Hin e gran finale a Bangkok, alla scoperta degli angoli più caratteristici, per fare di un viaggio un’autentica scoperta. Guide in italiano. Viaggio condotto da Giancarlo Pagliero, orientalista.

 

Programma di viaggio

 

1° Giorno 7 aprile: Arrivo a BANGKOK – CHIAN RAI- LANJIA LODGE
Arrivo all’aeroporto internazionale di Bangkok, disbrigo formalità di sbarco e proseguimento con volo per Chien Rai. All’arrivo incontro con la vs. guida in italiano e trasferimento al lodge. Cena con danze tradizionali della minoranza H’mong. Pernottamento al lodge.

 

2° Giorno 8 aprile: CHIAN RAI – HMONG EXPRERIENCE
Prima colazione seguita da una presentazione sulla minoranza etnica H’mong e sulle tribù Lahu.  Apprenderemo come il fiume Mekong, l’enorme riserva d’acqua, sia pura vita per gli abitanti del luogo che da esso dipendono. Visita ai villaggi Hmong e Lahu situate sulle colline. Gli H’mong, sono un popolo tribale molto antico, le prime presenze degli Hmong documentate in Cina, risalgono al terzo millennio a.c. Alcuni studiosi suggeriscono che potrebbero arrivare dalla Cina del Tibet, dalla Siberia o dalla Mongolia.

Una leggenda hmong dice che in origine, gli H’mong vivevano in una terra ghiacciata, infatti sui loro abiti sono ricamati fiocchi di neve, nonostante questo popolo viva nel triangolo d’oro da secoli. Perseguitati ed emarginati dai feudalisti cinesi, hanno cominciato a migrare dalla Cina verso Thailandia, Vietnam e Laos circa duecento anni fa e poi negl’anni ‘70 in Nord America ed Australia.
La tradizione religiosa degli Hmong fonda le sue radici tra Buddhismo, Taoismo e Confucianesimo, mischiate a credenze animiste, le cerimonie religiose si svolgono all’interno della famiglia sotto la guida dell’uomo più anziano. Comuni sono le offerte di cibo o sacrifici di animali. La maggior parte dei riti, con la guida dello sciamano, sono tesi a tener lontano gli spiriti malvagi dalla comunità. Le comunità che vivono ancora in montagna sono invece rimaste legate alle vecchie tradizioni, inclusa la coltivazione del papavero da oppio. Inoltre negl’ultimi decenni hanno intergrato una piccola parte della loro economia con la vendita dei propri prodotti artigianali ai turisti.

Tra gli H’mong la tradizione della tessitura è rimasta ancor viva e lo testimoniano i coloratissimi ed elaborati abiti che essi indossano quotidianamente. Il ricamo, chiamato paj ntaub (pan dao) è strettamente legato alla vita quotidiana e alle cerimonie religiose. Anticamente si pensava fosse il guardiano simbolico della via di passaggio tra questa vita ed un’altra. L’uso del ricamo e della tessitura è anche usato per tramandare la storia degli H’mong (fino a 50anni fa non esisteva lingua scritta).

Molti di loro coltivano ancora il cotone e la canapa ed usano tinture naturali per fabbricare i propri abiti. Anche l’arte orafa e la costruzione artigianale di strumenti musicali sono tuttora praticati nella comunità hmong

L’escursione comprende la visita ad uno sciamano della minoranza Hmong. Vi sarà la possibilità di bere il thè con lo sciamano e di scoprire le loro credenze e pratiche culturali. come ad esempio quella di seppellire la placenta ed il cordone ombelicale dei neonati.
Pranzo incluso sulla terrazza del magnifico ristorante con vista sul Mekong e sui panorami del vicino Laos. In seguito potrete provare a pescare con le mani secondo una tecnica tradizionale H’mong e a realizzare tessuti in batik insieme ad alcune donne della tribù. In seguito potremo dare una mano agli abitanti del luogo a piantare alcuni alberi nell’ambito del progetto “Herbal Plant Nursery Project” che ha come obiettivo è quello di migliorare la qualità della vita della popolazione locale, secondo una visione eco sostenibile.  Rientro al lodge. Cena e pernottamento.

3° Giorno 9 aprile: LANDJA LODGE – TRIANGOLO D’ORO ––LISU LODGE

Prima colazione al lodge quindi partenza alla volta del Lisu Lodge.

Lungo il percorso visita del punto geografico  dove i tre Paesi, Thailandia, Laos e Birmania, s’incontrano. Viista del White Temple. Il triangolo d’oro è la zona montuosa compresa nelle zone di confine fra la Birmania, il Laos e la Thailandia avente una superficie di circa 390 000 km². È la seconda area asiatica per importanza e dimensione della produzione dell’oppio dopo la zona della mezzaluna d’oro, che ha il suo centro di maggior produzione in Afghanistan. Il triangolo d’oro ha preso questo nome perché buona parte dell’oppio da raffinare veniva acquistata nelle città di frontiera e pagata con barre d’oro. Verso la metà degli anni sessanta, nel triangolo d’oro ebbe inizio la produzione di eroina e, a partire dagli anni novanta, alla produzione di oppio e eroina fu affiancata quella altrettanto redditizia delle metanfetamine. Pranzo in ristorante locale e proseguimento per il Lisu Lodge. Nel pomeriggio la guida vi condurrà a piedi  alla scoperta del villaggio locale. Visita del tempio Ton Lung. In seguito  visita ad una famiglia locale e ad uno sciamano per apprendere l’uso della medicina tradizionale.
Cena al lodge con danze tradizionali della minoranza Lisu

4° Giorno 10 aprile: LISU LODGE EXPERIENCE-CHIAN MAI – BANGKOK –HUA HIN

Prima colazione. In mattinata escursione su di un carro trainato da buoi attraverso le coltivazioni e le piantagioni circostanti fino al villaggio di Bean Pang Mai Daeng.

Al lodge potrete inoltro usufruire di massaggi e bagno di vapore o di partecipare ad un’escursione in bicicletta alla piantagioni di thè ( opzionali a pagamento in loco ).

Pranzo al lodge. In seguito partenza per l’aeroporto di Chan Mai per prendere il volo per Bangkok. Arrivo all’aeroporto, incontro con la guida e trasferimento a Hau Hin. Sistemazione in hotel. Cena libera. Pernottamento.

5° Giorno 11 aprile: HUA HIN – KHAO NATIONAL PARK-KHAO SOK
Prima colazione e partenza con la vs guida per il Parco Nazionale di Khao. Il Parco è il più antico della Thailandia, fondato nel settembre del 1962. Nel 1982 poi è stato inserito nella lista dei siti patrimonio del patrimonio mondiale ASEAN grazie anche alla varietà sua flora e fauna. Il Parco è stato anche nominato sito del Patrimonio Mondiale Unesco.

Khao Yai è in termini di grandezza il terzo Parco Nazionale più grande della Thailandia, coprendo un’area di 2165,55 kilometri quadtrati con la sua vetta piu’ alta Khao Rom che raggiunge i 1351 metri sul livello del mare.
Inoltre Khao Yai fa parte del Dongrak Range che forma una importante catena montuosa. Il Parco è situato a 200 km circa a nord-est di Bangkok e si estende lungo ben 4 provincie: Saraburi, Nakhon Nayok, Nakhon Ratchasima e Prachinburi. Visita del tempio Wat Chaiya Praboromathat , costruito otre 1200 anni fa,che ospita  molte bellissime sculture del Buddha. Visita  Ban Phumriang, un piccolo centro artigiano conosciuto per gli abiti in seta decorati con oro e argento.  Arrivo al Khao Sok Riverside Cottage Lodge e sistemazione.

Nel pomeriggio esplorerete il fiume con un escursione guidata in canoa. Il resort è sapientemente inserito nell’ambiente naturale circostante,con chalet comodi e gradevoli. La posizione lungo il fiume è davvero stupenda. Nella’acqua si può nuotare in sicurezza o galleggiare sui gommoni, godendosi lo spettacolo delle scimmie che giocano sulla sponda opposta. A fine giornata prenderemo parte ad un safari notturno alla scoperta  della fauna locale. Cena e pernottamento al lodge.

 

6° Giorno 12 aprile: KHAO SOK – escursione al LAGO CHEOW LARN –KHAO SOK
Prima colazione e partenza per il meraviglioso lago Cheow Larn. Ci sono aree naturalistiche in Paesi oggetto di forte affluenza turistica come la Thailandia, alle quali però non viene data l’importanza che meriterebbero. E’ il caso di Khao Sok National Park, 740 Km² di giungla primordiale nel comprensorio della provincia di Surat Thani, un cuore pulsante di natura a circa metà strada tra il Golfo della Thailandia e il Mare delle Andamane. E’ un parco immenso, ricoperto da una delle più antiche foreste pluviali del mondo.  Il lago è circondato da montagne calcaree e scogliere coperte da foresta tropicale.

Ci sono più di 100 isole nel lago, negli anni 70 l’area era il nascondiglio di studenti che si opponevano alla dittatura militare. Si potranno vedere dalla barca panorami spettacolari ed avere la possibilità di fare un tuffo; inoltre canoe a pagaia saranno disponibili per esplorare l’area.Pranzo incluso Nel pomeriggio rientro al lodge Khao Sok Riverside Cottage. Cena e pernottamento.

7° Giorno 13 aprile: KHAO SOK –HUA HIN
Prima colazione. Proseguimento della visita del Parco Nazionale Khao Sok. Rientro al lodge, check out e partenza con la vs guida per  Hua Hin. Arrivo presso il vs resort attorno alle ore 14. Pranzo libero lungo il percorso. Hua Hin è una località balneare situata nel Golfo della Thailandiaa meno di 200 Km a Sud di Bangkok. Frequentata in prevalenza da molti cittadini abbienti di Bangkok, ed ex rifugio estivo della famiglia Reale. Hua Hin incominciò a diventare famosa subito dopo il 1920, con la costruzione della linea Sud delle ferrovie Thailandesi, che in questo tratto ha la particolarità di essere stata costruita a pochi metri dal mare e sempre in questo periodo la famiglia Reale costruì il palazzo di Wang Klai Klangwon facendolo diventare la propria residenza per le vacanze. Dal semplice villaggio di pescatori di molti anni fa, Hua Hin al giorno d’oggi è una città moderna in stile Thailandese, con una spiaggia di sabbia bianchissima e molto nota per una serie di SPA tra le migliori al mondo dove potrete essere coccolati con degli autentici massaggi thailandesi. Pomeriggio da dedicare al relax e all attività balneari. Cena libera.

Pernottamento.

 

8° Giorno 14 aprile: HAU HIN – MRIGADAYAN PALACE – BANGKOK
Prima colazione, incontro con la vs guida e visita della città di Hua Hin che culmina con il Palazzo di Mrigadayan, una delle residenze del re Vajiravudh. Pranzo in ristorante.
In seguito visita al Phra Nakhon Khiri Historical Park. Il nome di Phra Nakhon Khiri significa Città Santa in Collina , ma la gente del posto conosce meglio come Khao Wang , che significa collina con palazzo . Il percorso consiste in una piacevole passeggiata nel parco ben tenuto.

Ci sono diversi templi e splendide vedute. Dopo le visite proseguimento per Bangkok e sistemazione in hotel. Cena libera. Per nottamento.

9° Giorno 15 aprile: BANGKOK
Prima colazione. Incontro con la va guida in italiano e visita dei posti più salienti della capitale del Paese. Verso le 7 del mattino lasceremo l’hotel alla volta del mercato galleggiante di Damnern Saduak Floating Market.Escursione in barca per vedere e comprendere meglio la vita dei contadini che qui si ritrovano ogni mattina per vendere i loro prodotti. Visita di un vivaio dove vengono coltivate moltissime splendide orchidee, il fiore nazionale .

Impareremo inoltre come si può utilizzare la noce e la palma da cocco, ottenendo graziosi prodotti di artigianato, ma non solo: dalla noce si ottiene anche la margarina di cocco, un olio vegetale ad alto punto di fusione utilizzato in pasticceria come succedaneo del burro; o per la fabbricazione di saponi, colle e appretti e una farina utilizzata a fini alimentari.Dalle fibre del mesocarpo si ricava il coir una fibra utilizzata per lavori di intreccio, tappeti e cordami. Con la linfa estratta incidendo le giovani infiorescenze si ricava il ‘vino’ di palma (linfa fermentata), l’aceto di palma, lo zucchero di palma e l’acquavite di palma. La linfa fresca è di consumo comune nelle Kiribati, con raccolta due volte al giorno col nome di karewe, poi cotta per diventare uno sciroppo, il kamaimai. Inoltre le giovani gemme sono commestibili (cavoli di palma).Dagli stipiti si ricava il legno di cocco, utilizzato per la facilità di lavorazione per mobili, manici d’ombrello, o abitazioni rurali e dallee fronde vengono utilizzate come fibre per intrecciare cappelli, stuoie e tetti per le capanne. Rientro in città e pranzo in ristorante. In seguito vista al famoso Buddha di smeraldo, al tempio Wat Prakeaw e al Palazzo reale.Rientro in hotel al termine delle visite. Cena libera. Pernottamento

10° Giorno 16 aprile: BANGKOK 

Prima colazione. Giornata a disposizione per visite individuali. Pasti liberi.  Camere a disposizione fino al trasferimento in aeroporto.
11° Giorno 17 aprile: BANGKOK – volo di rientro
Nelle prime ore del mattino volo di rientro. Arrivo in Italia nel primo pomeriggio

 

Fine dei nostri servizi

 

QUOTA INDIVIDUALE di PARTECIPAZIONE
in camera doppia: 1835 euro

Supplemento singola: 280 euro

 

LA QUOTA COMPRENDE

-voli Bangkok / Chian Rai e  Chian Mai / Bangkok
-sistemazione negli hotel indicati o similari  9 ( nove ) notti con prima colazione
-pasti come da programma
-tutti i trasferimenti
-circuito con minibus privato
-guide in lingua italiana
-accompagnatore esperto nella persona del Sig.Giancarlo Pagliero
-tutti gli ingressi ai siti, monumenti menzionati nel programma
-escursioni in barca come da programma
– acqua minerale a bordo mezzo
-tutte le tasse governative attuali

 

LA QUOTA NON COMPRENDE

-volo dall’Italia
– assicurazione medica
-pasti non specificati nel programma
-extra personali in genere
-mance al personale locale

Per richiedermi informazioni, preventivi, dettagli su questo o su altri viaggi potete scrivermi utilizzando la form sottostante o contattarmi via mail, telefono o skype.

Posta elettronica: giancarlo.pagliero@libero.it
Telefono: 345 6705489 (da lunedì a venerdì dalle 09:00 alle 20:00 – Sabato su appuntamento telefonico)
Skype: giancarlop


Effettuando l'invio di questa richiesta si intende accettata la nostra informativa sulla privacy